In seguito a un’accidentale caduta aveva riportato una frattura bilaterale del bacino e il quadro clinico, sottoposto all’attenzione di numerosi specialisti, era stato giudicato troppo compromesso per azzardare un intervento chirurgico a causa di ossa ‘di vetro’, troppo fragili. Sembrava destinata a passare il resto della vita sulla sedia a rotelle una 15enne di San Giuseppe Vesuviano (Na), affetta da una forma di osteogenesi imperfetta, malattia genetica rara che comporta una fragilità ossea e osteoporosi giovanile, ma fortunatamente all’ospedale ‘San Giuseppe Moscati’ di Avellino ha trovato chi le ha dato una speranza. Il direttore dell’Uo di Ortopedia e Traumatologia della struttura campana, Antonio Medici, pur consapevole dei rischi connessi a un intervento già di per sé difficile, reso ancora più complesso dalla malattia della paziente, ha comunque deciso di offrire alla giovane la possibilità di rialzarsi sulle proprie gambe.  

“L’intervento – racconta il primario – si è svolto in due tempi: la prima volta, coadiuvato da un’équipe di ortopedici e anestesisti, sono intervenuto sulla frattura destra e sinistra da via posteriore. Dopo una settimana, la ragazza è tornata in sala operatoria e la frattura è stata trattata per via anteriore. In effetti – precisa – ha subito quattro interventi chirurgici in due sedute, per fare in modo che la fragilità ossea non rendesse inutili i tentativi di fissazione, da effettuare in un particolare modo per favorire la formazione del callo osseo. Ma tutto è andato meglio del previsto”. La 15enne è stata dimessa da qualche giorno – riferiscono dall’ospedale – e ha iniziato la fase della riabilitazione presso il proprio domicilio. L’équipe che ha condotto l’intervento chirurgico sta ora lavorando a una pubblicazione scientifica sul caso, in quanto l’operazione eseguita non ha ancora alcun riscontro sul piano divulgativo internazionale. 

Source: Adkronos